L’elevata umidità in casa è fonte di molti inconvenienti. Danneggia alcune superfici come le pareti e favorisce lo sviluppo di muffe responsabili di allergie e problemi respiratori. In questo caso, la regolazione del livello di umidità è fondamentale per garantire uno spazio abitativo confortevole e per mantenere la casa in buone condizioni. Scopri come riparare i muri umidi.

Se l’aria secca favorisce il mal di testa e secca la pelle e le mucose, anche l’umidità elevata è dannosa per le condizioni dell’alloggio.

parete umida danneggiata

logo pinterest

Muro danneggiato dall’umidità – Fonte: spm

Quali sono le conseguenze dell’umidità elevata?

Il livello di umidità  è considerato normale quando è compreso tra il 45% e il 65%.  Al di là di questo tasso, si parla di un eccesso di umidità che ha conseguenze significative.

  • Sulla salute:  l’inalazione di spore di muffe può provocare un’allergia con rinite, irritazione agli occhi, tosse, congestione nasale o persino respiro sibilante. Inoltre, alti livelli di muffa in casa possono mettere i bambini a rischio di asma.
  • Sulla condizione dell’alloggio  :  L’elevata umidità favorisce la comparsa di macchie di muffa e salnitro sui muri,  fa sbriciolare la vernice  e staccare la carta da parati , senza contare che favorisce la condensa all’esterno e all’interno delle finestre e impregna il interni con un cattivo odore di muffa.

Quali sono i fattori responsabili dell’umidità sulle pareti?

Problemi di infiltrazioni d’acqua:  Le pareti hanno una struttura porosa che favorisce l’infiltrazione di umidità dall’esterno, soprattutto  se la casa non ha un buon isolamento e quindi scarsa tenuta all’acqua e agli agenti atmosferici.  Si noti che le infiltrazioni possono provenire anche dal tetto.

Perdite d’acqua:  le perdite possono provenire da tubi o elettrodomestici. Infatti, l’acqua può fuoriuscire da una lavastoviglie o da una lavatrice favorendo così l’umidità sulle pareti.

Scarsa ventilazione:  in assenza di una buona ventilazione, l’umidità si accumula in casa, soprattutto in cucina e in bagno, considerati gli ambienti più umidi della casa.

Risalita capillare:  questo fenomeno indica la risalita dell’umidità dal terreno o dalla cantina attraverso le pareti.

muro danneggiato

logo pinterest

Muro danneggiato – Fonte: spm

Quale metodo per riparare un muro umido?

  1. Pulisci l’area macchiata

Prima di riparare i danni a un muro, è necessario prima pulirlo accuratamente. Per fare questo, usa un panno in microfibra e acqua saponata a base di sapone di Marsiglia o detersivo per piatti. Quindi lascia asciugare il muro.

  1. Rimuovi le squame

Utilizzando un raschietto per crepe, rimuovere la vernice scheggiata e le particelle che si sono staccate a causa dell’umidità

rimuovere le squame

logo pinterest

Disincrostazione – Fonte: spm

  1. Tratta la muffa

Dopo aver pulito il muro, trattare la muffa  con un prodotto antimuffa fatto in casa. Per questo avrai bisogno di:

  • 300 ml di aceto bianco
  • 200 ml di acqua
  • 4-5 gocce di olio essenziale di tea tree

Mescolare l’aceto bianco, l’acqua e l’olio essenziale dell’albero del tè in uno spray. Quest’ultimo  ha un’azione antifungina e antibatterica che ti aiuterà a distruggere efficacemente i funghi responsabili della muffa  per prevenirne l’eventuale ricomparsa. Spruzzare sulle zone interessate e lasciare in posa per qualche ora. Quindi pulire il muro con un panno pulito e lasciarlo asciugare completamente.

  1. Rivestimenti

Se necessario, rifare uno stucco per riempire i buchi e le crepe, e poi uno stucco rasante per finalizzare la riparazione del muro.

riparare un muro umido

logo pinterest

Riparare un muro umido – Fonte: spm

  1. Pittura

Dopo aver riparato il muro dai danni causati dall’umidità, applicare uno strato di vernice antimacchia sulle aree danneggiate  per rafforzare la resistenza del muro al deterioramento quotidiano. Attendere che si asciughi e tinteggiare la parete  , scegliendo preferibilmente una pittura antiumidità. Si noti che prima di procedere con questo passaggio, il muro deve essere asciutto e ben levigato.

Si noti che prima di procedere con la riparazione del muro, la causa dell’umidità dovrebbe essere identificata e corretta  per evitare il deterioramento delle pareti che non sono ancora state interessate.

Come combattere l’umidità?

Il primo accorgimento da adottare è arieggiare quotidianamente tutta la casa, per rinnovare l’aria dell’ambiente ed eliminare l’umidità in eccesso. Un’aerazione di 15 minuti può essere sufficiente.

Per controllare il livello di umidità in casa, considera di dotarti di un deumidificatore che ti aiuterà ad abbassare l’umidità nelle stanze che mostrano segni di elevata umidità. E infine, è importante controllare le tubazioni,  e  assicurarsi che la casa sia isolata  dal tetto e dalle finestre  per far fronte al problema dell’umidità alla fonte.

Questo accorgimento ti permetterà sicuramente di riparare il tuo muro umido, ma per evitare di ritrovarti nuovamente in una situazione del genere, è importante regolare l’umidità della casa, in modo da evitare un livello di umidità molto alto o troppo basso.