Press ESC to close

Ogni quanto vanno lavati gli asciugamani?

Gli asciugamani sono in costante richiesta. Viene fatta una distinzione tra asciugamani, asciugamani per capelli e persino teli da bagno. Per godere di un bucato sano, è necessario mantenerlo perché si sporca rapidamente. A forza di essere usati, gli asciugamani si rimpinzano di batteri e secrezioni umane, sudore e molti altri residui. Per questi motivi è importante sapere ogni quanto cambiare il telo da bagno.

Proprio come le lenzuola o le federe, gli asciugamani sono essenziali per la nostra igiene personale e richiedono un lavaggio regolare. Dovresti sapere che anche dopo una buona doccia, la pelle morta, il sudore, i capelli o anche i batteri che si depositano sulla biancheria del bagno persistono. Per questo motivo è consigliabile non condividere con altri gli asciugamani da bagno.

Ogni quanto dovresti lavare gli asciugamani da bagno?

logo pinterest

Ogni quanto dovresti lavare gli asciugamani da bagno? Fonte: L’abete rosso

Ogni quanto dovresti lavare gli asciugamani?

Generalmente la frequenza dei lavaggi dipende dall’utilizzo della biancheria. Secondo  Philip Tierno, microbiologo e patologo della New York University , è consigliabile lavare l’asciugamano dopo tre utilizzi, non di più. Ma questo è valido solo  se quest’ultimo viene asciugato completamente tra ogni utilizzo all’aria aperta. o su un termosifone asciugabiancheria e che il bagno sia ben ventilato. È quindi fondamentale appenderlo in un luogo ventilato per evitare che i batteri si sviluppino ulteriormente a causa dell’umidità. L’esperto aggiunge a questo effetto che gli asciugamani bagnati sono un terreno fertile per germi, batteri e funghi, secrezioni salivari e urinarie e cellule morte della pelle. Per non parlare dei residui di prodotti cosmetici e di polvere che si incrostano nella biancheria da bagno.

Se non asciughi l’asciugamano dopo l’uso,  dovresti cambiarlo dopo ogni utilizzo , poiché un asciugamano umido è un paradiso per tutti i germi e batteri.

Un asciugamano bagnato contiene batteri.

logo pinterest

Un asciugamano bagnato contiene batteri. Fonte: L’abete rosso

Inoltre, gli asciugamani usati per asciugare le mani dovrebbero essere lavati a giorni alterni. Le salviette devono essere pulite e asciugate dopo ogni utilizzo. Infine, i tappetini da bagno vanno puliti una volta alla settimana se il bagno non è molto umido, nel qual caso è consigliabile lavarli due volte alla settimana e lasciarli asciugare all’aria al sole se possibile.

Come lavare correttamente il telo da bagno?

In lavatrice oa mano, gli asciugamani, come tutta la biancheria, vanno lavati preferibilmente con acqua calda. Come tutta la biancheria da letto compresa la fodera, il cuscino, il lenzuolo o la federa, anche  la biancheria da bagno deve beneficiare di una buona manutenzione .

Se si opta per la lavatrice, la temperatura ideale è di 60° per debellare i batteri e mantenere pulita la biancheria. Inoltre, è necessario assicurarsi che il portasciugamani sia pulito e pulirlo una volta alla settimana. È inoltre essenziale mantenere il bagno pulito quotidianamente per proteggersi dai germi.

Quali ingredienti naturali per un lavaggio delicato?

L’ammorbidente acquistato in negozio tende ad appesantire gli asciugamani e renderli meno assorbenti. Per quanto riguarda l’aceto bianco, oltre ad essere un prodotto naturale, ecologico, biodegradabile ed economico,  ammorbidisce le fibre dei tessuti  e rende meno ruvida la biancheria. Per fare questo, puoi versare mezzo bicchiere di aceto nel cestello o nello scomparto dell’ammorbidente. Puoi anche immergere gli asciugamani in acqua calda con una dose di aceto bianco, durante la notte.

Altri  trucchi della nonna servono per pulire gli asciugamani in modo efficace e naturale . Nella tavola dei prodotti per la casa, il bicarbonato ha il sopravvento per pulire, disinfettare, sgrassare, disincrostare, deodorare e lucidare tutte le superfici della casa. Per il bucato è il prodotto da utilizzare per eccellenza per le sue proprietà antibatteriche.

Versa ½ tazza di bicarbonato di sodio nel cestello della lavatrice. Dirai così addio ai cattivi odori di biancheria umida e muffe e soprattutto ai germi e batteri che invadono i tuoi asciugamani.