Com’è piacevole, quando le viole hanno un bell’aspetto e fioriscono abbondantemente!

Ma spesso, quando ci prendiamo cura di queste meravigliose piante, commettiamo diversi errori, il più grande dei quali è l’irrigazione eccessiva. È proprio per questo che l’apparato radicale della violetta marcisce e inizia subito ad appassire. Ma c’è ancora una possibilità di salvarla!

HAI BISOGNO:

-una taglierina affilata;

-bicchieri di plastica;

-Acqua;

-vasetti piccoli;

-supposta;

-torba combinata con perlite;

-Acqua.

PROCEDIMENTO:

1.Se hai notato che le foglie della violetta hanno iniziato ad appassire e hanno perso il loro turgore, significa che le sue radici hanno iniziato a marcire. Tagliatelo quindi proprio alla base con un taglierino affilato e decontaminato per separare il gambo dalle radici.

2.Ricerca il ceppo. Se ha iniziato a marcire, taglialo gradualmente fino a raggiungere un tessuto sano.

3. Quindi rimuovere le foglie inferiori della viola e raschiare con cura la corteccia secca dal suo stelo.

4. Metti la violetta su un bicchiere d’acqua in modo che l’acqua copra solo una parte del suo gambo.

5.Aspetta che sviluppi radici lunghe 2-3 cm.

6. Quindi piantalo nella torba combinata con perlite e possibilmente in un vaso riempito di stoppino. Non dimenticare di annaffiare il substrato e mettere il vaso in un bicchiere, in cui hai versato un po’ d’acqua.

7.E se la violetta è in condizioni migliori e hai notato subito il suo appassimento, puoi prepararla in modo simile e piantarla direttamente nella torba combinata con perlite e inumidita, in un vaso dotato di stoppino, che consente un’irrigazione ottimale delle viole ed evitando un eccessivo accumulo di acqua.

Ecco com’è semplice!

Buon giardinaggio!