Press ESC to close

Addolcisci il tuo caffè: suggerimenti per rimuovere l’amarezza e il gusto amaro

Gli appassionati di caffè semplicemente non possono iniziare la giornata senza. La bevanda calda più famosa al mondo, nota per il suo aroma corposo o più delicato, ha un effetto positivo sul corpo se consumata con moderazione. Infatti, una buona tazza di caffè è spesso il modo perfetto per iniziare la giornata! Una domanda: aggiungi sempre zucchero al tuo bicchiere, perché non ne sopporti il ​​sapore troppo amaro? Per ridurre l’acidità del caffè, le nostre nonne avevano un trucco infallibile. Scoprilo in questo articolo.

Perché il mio caffè ha una forte amarezza?

Una tazza di caffè

logo pinterest

Una tazzina di caffè – Fonte: spm

Grazie al suo contenuto di polifenoli, questa famosa bevanda offre all’organismo una serie di benefici che includono sia effetti antiossidanti che antinfiammatori. D’altra parte, non abusarne e sapere quando è il momento migliore per consumarlo.   Non dimentichiamo che il caffè rimane un potente stimolante e un eccesso di caffeina può portare a diversi disturbi: per non parlare di palpitazioni, irritabilità, vertigini, ansia, emicrania o addirittura insonnia. Sta a te!

Hai sentito quel piccolo sapore di acidità che ti rimane in bocca dopo aver bevuto un po’ di caffè? Infatti è un sottoprodotto della caffeina e dell’acido caffeico. Ma non preoccuparti: quest’ultimo è completamente innocuo poiché questo composto è prevalente nella maggior parte delle piante. Potrebbe sorprenderti apprendere che è il secondo fitochimico più comune nella nostra dieta. Un livello di acidità che si trova comunemente nella frutta, come uva, pere, mele e albicocche. Anche varie verdure come sedano, melanzane, carote o pomodori contengono questa acidità. Ma dì a te stesso una cosa, se il caffè che bevi di solito ti sembra troppo amaro, due motivi possono spiegarlo. O i chicchi sono di qualità media,

Come ridurre l’acidità del caffè?

Per bere il caffè

logo pinterest

Bere caffè – Fonte: spm

Stai pensando di rinunciare al caffè a causa della sua elevata acidità e problemi di reflusso acido? Perché arrivare a questo? Se sei un fan di questo elisir oscuro, puoi tranquillamente continuare a bere  caffè semplicemente riducendone l’acidità grazie a piccoli consigli che mi ha dato il mio vicino e che sono molto facili da applicare. Innanzitutto, puoi optare per un caffè decaffeinato. Meno caffeina renderà la tua bevanda più morbida e meno amara. Ma per il resto, per ottenere un caffè deliziosamente aromatico e meno acido, un piccolo consiglio di Laure, la mia vicina del secondo piano, farà la differenza. Tutto quello che devi fare è inserire una foglia di alloro nella bevanda subito dopo averla preparata. Se sei abituato a bere caffè istantaneo, l’erba dovrebbe essere aggiunta al momento, dopo aver versato acqua bollente nel contenitore per preparare il caffè. Ridurrà l’amarezza, apportando un aroma più delicato e fragrante al tuo caffè!

Altri consigli per rendere il caffè meno amaro o acido

Ti sarebbe piaciuto bere il tuo caffè nero e corposo, ma non ne sopporti l’amarezza. Pertanto, nel tuo rituale di preparazione, aggiungi immediatamente panna o zucchero per ammorbidirlo. Che, purtroppo, finisce per snaturarne il gusto e renderlo più calorico. Per chi tende a ingoiarne due o tre al giorno, questa non è l’opzione migliore per mantenere la linea! Niente paura, vi daremo alcuni consigli su come gustare al meglio il vostro caffè senza appesantirlo con questi trucchetti.

  • Ridurre il contatto con l’acqua

Impara che gli acidi nei chicchi di caffè sono solubili in acqua (sostanze amare, aromi e anche caffeina). Pertanto, più breve è il contatto del caffè macinato con l’acqua, meno acido risulterà. Se la polvere rimane nell’acqua solo per poco tempo, le sostanze aromatiche si dissolveranno, ma non gli acidi o le sostanze amare.

  • Temperatura di infusione ideale da 92°C a 96°C

Più calda è l’acqua, più velocemente le molecole si muovono ed estraggono gli ingredienti dalla polvere di caffè. Optare per una temperatura oscillante tra 92 e 96°C. Se l’infusione è inferiore a 85°C, il caffè potrebbe avere un sapore acquoso e sgradevole.

  • Aggiungere un piccolo pizzico di sale

Potresti non averci mai pensato, ma  aggiungere una piccola quantità di sale al tuo caffè  può aiutare a ridurne l’amarezza e ravvivarne il gusto. Se l’idea non vi attira, c’è comunque la possibilità di dissipare l’acidità aggiungendo un pizzico di cannella o vaniglia. Darete così un sapore unico e singolare al vostro caffè, quasi festoso anche!

  • Macina grossolanamente i chicchi

Se hai fondi di caffè abbastanza densi, il tuo caffè si decomporrà più lentamente. Per questo è consigliabile ridurre l’amaro macinando i chicchi più grossolanamente. Preparando il tuo caffè in questo modo, otterrai meno estrazione e quindi meno amarezza.

  • Ridurre l’infusione

Non vuoi cambiare la dimensione della macinatura? In questo caso, assicurarsi di ridurre il tempo di infusione. Se hai una pressa francese, ad esempio, devi solo ridurre la tua birra di 15 secondi. Normalmente, questo dovrebbe limitare l’amarezza, pur dandoti abbastanza dolcezza.

Nota  : se nessuna di queste opzioni funziona, potresti prendere in considerazione la possibilità di cambiare caffè. In genere i caffè 100% arabica sono molto più acidi dei caffè misti ed equilibrati nel gusto (robusta & arabica).