Press ESC to close

10 consigli semplici e pratici per far fiorire le orchidee in casa

Sotto il suo aspetto delicato, l’orchidea rappresenta una varietà abbastanza resistente di piante tropicali che possono essere coltivate in casa. L’unico problema è che a volte può essere difficile farlo rifiorire se non si conoscono i trucchi giusti. Scopri 10 consigli semplici e pratici per mantenerlo a casa.

Ideale per dare un tocco di leggerezza ai tuoi interni purificando l’aria della tua casa , l’orchidea è stata associata a una pletora di simboli nel corso dei secoli. Dall’antica Grecia al Giappone, passando per il Sud America dove oggi funge da fiore nazionale in Costa Rica, Venezuela o Colombia, rappresenta voluttà, erotismo, seduzione e molto altro. 

orchidea

logo pinterest
Diversi simboli – Fonte: Interflora

Cosa simboleggia l’orchidea?

Per capire cosa rappresenta, dobbiamo prima guardare alle sue radici. E non a caso quelle del fiore hanno a lungo evocato curve anatomiche, soprattutto nell’antica Grecia dove erano associate all’erotismo , alla fertilità, alla virilità e al sesso femminile. Si pensava che il loro consumo potesse avere un impatto anche sulla determinazione sessuale di un bambino, spiega Nathalie Chahine nel suo libro “Little book of the language of flowers”, essendo le grandi radici privilegiate per avere un maschietto e quelle piccole per un ragazza. 
La famiglia delle orchidee, che oggi comprende più di 20.000 specie botaniche, è stata venerata anche in Giappone e in Cina per i suoi valori artistici ed estetici.Confucio associava il suo profumo a quello dell’amicizia e il suo aspetto particolare a quello dell’uomo compiuto. In modo più astratto rappresenta anche un colore, la grazia e la fragilità di una cosa o di una persona e infine la rarità e la raffinatezza. Senza dimenticare che è una delle piante che portano energia positiva in casa . 

Per questi diversi motivi, molte persone la considerano una pianta ideale per abbellire i loro interni e giustamente, dal momento che attira innegabilmente l’attenzione in una stanza. Solo, bisogna saperlo curare nel modo giusto per coltivarlo in casa.

Come mantenere un’orchidea?

Nelle foreste tropicali o allo stato selvatico, le orchidee si trovano nei prati umidi, nelle zone calcaree secche, nei boschi o ai bordi di alcune strade. Vale a dire che esiste anche un tipo di orchidea epifita, con radici aeree che non necessitano di essere piantate in supporti terrestri. Questi ultimi si nutrono dell’umidità dell’aria ambiente e possono crescere sui rami di un’altra pianta, sulle rocce o anche sui tronchi. Tuttavia, l’orchidea può essere coltivata anche all’interno in vaso. 

Sebbene siano disponibili diverse varietà, la più comune è la Phalaenopsis , una pianta ibrida che fiorisce praticamente tutto l’anno. Con foglie spesse e piatte, i suoi fiori ricordano la forma di una farfalla e poggiano su lunghi steli eretti. A seconda della specie, questi possono assumere diverse forme e colori, garantendo una miriade di scelte a chi sceglie di adottarli. Rosa, malva, viola o con fiori bianchi, avrai diverse opzioni per selezionare quello che fa per te. Ecco i buoni consigli da seguire per prenderti cura della tua orchidea. 

orchidespot

logo pinterest
Orchidee in vaso – Fonte: Momentocasa

1) Usa le giuste dosi di acqua e fertilizzante 

Prima di tutto, è necessario nutrire le tue orchidee se vuoi che rifioriscano. Questo comporta la scelta di un buon terriccio e un fertilizzante liquido da utilizzare ogni due settimane, quest’ultimo dovrebbe essere ricco di sostanze nutritive come potassio e fosforo.per una fertilizzazione ottimale. Per questo, puoi chiedere consiglio a un fiorista. Quando arriva il periodo di fioritura, il fertilizzante non è più necessario. Anche la frequenza delle annaffiature dovrebbe essere ridotta per dargli un periodo di riposo.Se il gambo diventa marrone e morbido nella parte inferiore, potrebbe significare che sta marcendo per la troppa acqua stagnante. . Puoi quindi tagliarlo il più in basso possibile riprendendo la sua classica manutenzione per stimolare la crescita di un nuovo stelo floreale.

casa delle orchidee

logo pinterest
Fiori dai più colori – Fonte: Momentocasa

2) Innaffia correttamente le tue orchidee 

Gli appassionati di giardinaggio probabilmente lo sanno: quando si annaffia, è consigliabile bagnare le radici della pianta piuttosto che procedere dall’alto. Per fare questo, esiste una tecnica di immersione semplice ed efficace. Metti la tua pentola in una bacinella di acqua a temperatura ambiente per 20 minuti, assicurandoti che abbia dei piccoli fori verso il fondo per un effetto drenante. Trascorso questo tempo, scolate il recipiente e rimettetelo al suo posto, assicurandovi che ci sia sufficiente luce. L’operazione va ripetuta ogni 10 giorni. Si noti che l’acqua piovana può essere utile per questa procedura.

nutrire le orchidee

logo pinterest
Nutrire la tua orchidea – Fonte: Momentocasa

3) Esponile alla luce

Durante il periodo invernale o quando i raggi del sole non sono molto forti, è possibile esporre la propria pianta direttamente alla luce esterna o anche in veranda. La maggior parte delle orchidee si nutre per fotosintesi e quindi ha bisogno di clorofilla, come altre piante come l’ortensia, che si presenta sotto forma di piccoli arbusti da fiore, tulipani o anche giacinti, ma i raggi possono essere troppo caldi e bruciare le foglie. Favorire quindi un’esposizione mattutina posizionandola poi in un luogo luminoso con un po’ di ombra. Evitare in particolare una ventilazione eccessiva e correnti d’aria.

logo pinterest
Stimolare la crescita dei boccioli fiorali – Fonte: Momentocasa

4) Evitare fonti di calore

Termosifoni, camini, sole troppo aggressivo, fonti di calore secche sono da evitare per questa pianta esotica che predilige l’umidità. Se la temperatura ambiente della casa è superiore ai 20 gradi, si consiglia inoltre di posizionare le proprie orchidee tropicali in luoghi più freschi come le mensole vicino alle finestre o il vano scala. Questa pianta da interno non tollera bene la siccità.

orchidee1

logo pinterest
Posizionali sul bordo della finestra – Fonte: Momentocasa

5) Usa lo shock termico 

Contrariamente alla credenza popolare, lo shock termico può essere un vero vantaggio per far rifiorire le tue orchidee e far emergere nuovi boccioli di fiori. Per fare questo posizionate i vostri fiori su un balcone o sul vostro davanzale durante il giorno, quando la temperatura esterna non supera i 15 gradi , per poi rimetterli al loro solito posto la sera. Il cambio di temperatura stimolerà la crescita, soprattutto in autunno quando la temperatura è favorevole. Questa operazione va ripetuta per circa 15 giorni, alternando giorno e notte per ottenere l’effetto desiderato.  

nodi di orchidee

logo pinterest
Taglio sopra il nodo – Fonte: Momentocasa

6) Pota la tua orchidea

Quando i fiori della pianta scompaiono o sono appassiti, è consigliabile recidere gli steli per favorire una nuova fioritura e la nascita di boccioli sani. Usando cesoie o forbici pulite e disinfettate, accorcia quest’ultima tagliando 1 centimetro sopra il secondo o terzo nodo sul gambo del fiore, contando dal basso. 

foglie di orchidea

logo pinterest
Pulisci regolarmente le foglie – Fonte: Momentocasa

7) Prenditi cura delle foglie

Se i suoi petali sembrano richiedere la massima cura a causa del loro aspetto fragile, non dimenticare le foglie. E questo consiglio vale per tutti i fiori, indipendentemente dal tipo. Questi vanno puliti con un panno imbevuto di acqua distillata e qualche goccia di succo di limone. Un altro trucco della nonna è usare un batuffolo di cotone imbevuto di una miscela di acqua e latte per svolgere questo compito. 

vasetransparent

logo pinterest
Si consiglia un vaso trasparente – Fonte: Momentocasa

8) Scegli un vaso appropriato

Per una corretta crescita, opta per un vaso o vaso trasparente, che permetterà alla pianta di beneficiare della luce. Quelle a doppia parete sono particolarmente efficaci perché stabilizzano la temperatura. In questo senso, il cache-pot è da evitare. Ci sono anche molte piante che puoi coltivare in un solo bicchiere d’acqua . 

orchidee2

logo pinterest
Le orchidee sono piante tropicali – Fonte: Momentocasa

9) Considera l’umidità

Come accennato in precedenza, la maggior parte delle orchidee sono piante tropicali ed esotiche che richiedono umidità ambientale per crescere in buone condizioni. Sarà quindi necessario provvedere a irrorare regolarmente le foglie con acqua demineralizzata. Puoi anche aggirare questo problema posizionandoli vicino a un umidificatore. 

lascia orchidee

logo pinterest
Il verde scuro indica mancanza di esposizione – Fonte: Momentocasa

10) Guarda il colore delle foglie

Questo è un indicatore importante che ti farà sapere se la tua cura di manutenzione è adatta alla tua pianta, soprattutto in termini di contatto diretto con il sole. Infatti, se vedi che le tue foglie ingialliscono o si ricoprono di macchie , questo potrebbe significare che i raggi sono troppo aggressivi. Al contrario, se le foglie sono troppo verdi o verde scuro, ciò indica che la tua orchidea non riceve abbastanza luce solare. In generale si stima che l’orchidea vada rinvasata ogni due anni subito dopo la fioritura. I fiori appassiti possono quindi essere rimossi, tagliando a filo il gambo del fiore essiccato. La pianta va liberata anche dal suo substrato perché con il passare delle stagioni quest’ultimo si decompone e può asfissiare le sue radici.