Gli strofinacci sono elementi essenziali in cucina. Molto spesso vengono utilizzati per asciugare le stoviglie, pulire la tavola o per asciugare le mani durante la cottura. Per farli asciugare più velocemente, di solito vengono appesi alla porta del forno. È una buona o una cattiva idea? Decrittazione.

Pulire le stoviglie con un panno pulito poi appoggiarlo sulla porta del forno in modo che si asciughi più velocemente sembra essere un gesto pratico senza alcun pericolo reale. Tuttavia, questa scelta sarebbe lungi dall’essere oculata e potrebbe anche comportare alcuni rischi.

Perché dovremmo smettere di appendere uno strofinaccio alla porta del forno?

Se sei abituato ad appendere uno strofinaccio alla porta del forno, fermati subito! Questo gesto è tutt’altro che igienico e comporterebbe rischi per la tua salute e quella di chi ti circonda.

  • Lo strofinaccio sullo sportello del forno, un gesto poco igienico

Strofinacci sulla porta di un forno

logo pinterest

Strofinacci sulla porta di un forno. Fonte: spm

In una cucina puoi trovare diversi tipi di strofinacci. Mentre alcuni sono usati per asciugare i piatti, altri possono essere usati per pulire il tavolo o asciugarsi le mani durante la cottura. Questi diversi usi consentono di limitare la proliferazione dei batteri, al fine di evitare qualsiasi rischio di intossicazione alimentare.  Proprio come la porta del frigorifero o di altri elettrodomestici, anche la porta del forno può essere un terreno fertile per i batteri. Prima di aprire la porta del forno, pochissime persone si preoccupano di lavarsi le mani. Pertanto, mettere un panno che serve per asciugare i piatti o per asciugarsi le mani sullo  sportello di questo apparecchio non è raccomandato. È soprattutto una questione di igiene e pulizia!

Suggerimenti per mantenere gli strofinacci puliti e privi di batteri

La maggior parte dei batteri prospera in ambienti umidi e caldi. Questo è particolarmente vero per gli strofinacci da cucina, che spesso sono appesi alla porta del forno o vicino al lavello. È quindi fondamentale adottare i gesti giusti affinché rimangano puliti e privi di batteri.

  • Lavare gli strofinacci in lavatrice ad alta temperatura

Impostazione della lavatrice

logo pinterest

Impostazione della lavatrice. Fonte: spm

Un semplice lavaggio non può bastare per eliminare i batteri presenti sulla carta da cucina. Inoltre, le macchie di grasso che vi si accumulano possono essere difficili da assorbire. La cosa migliore da fare è metterli in lavatrice ed eseguire un programma a 90°C.  Non esitare ad aggiungere il bicarbonato di sodio al tuo detersivo abituale per un risultato ottimale. Oltre ad ammorbidire il bucato, avrà un effetto pulente e sbiancante.

  • Immergere gli strofinacci in una miscela di acqua e cristalli di soda

Affinché i vostri  strofinacci siano perfettamente puliti ,  è possibile immergerli in una bacinella di acqua calda aggiungendo dei cristalli di soda. Lasciare riposare per un’ora prima di metterli in lavatrice e iniziare un normale ciclo di lavaggio. Quindi asciugare all’aria o idealmente al sole. I cristalli di soda permettono di ammorbidire la biancheria e di disinfettarla in modo naturale.

  • Conservare gli strofinacci in luoghi appropriati

Strofinacci appesi alla maniglia dell'armadio

logo pinterest

Strofinacci appesi alla maniglia dell’armadio. Fonte: spm

Esistono molte soluzioni per riporre gli asciugamani da cucina. Il primo è utilizzare un supporto a parete vicino alla finestra della cucina. L’obiettivo è tenerli lontani dalle zone umide della cucina. Inoltre, rappresenta una soluzione di asciugatura rapida ed efficace. Il rivestimento murale deve comunque essere resistente all’umidità. L’altra possibilità è di appenderli ai porta strofinacci, che possono essere fissati all’interno delle ante dell’armadio, per gli asciugamani puliti, e all’esterno, per gli asciugamani bagnati e già usati.

Come avrete capito, sulla porta del forno non va appoggiato un canovaccio usato per pulire le stoviglie. Questo gesto poco igienico deve essere evitato, al fine di limitare il rischio di  proliferazione di batteri .