Per crescere bene e fiorire magnificamente, i gigli devono essere piantati correttamente e curati adeguatamente, compresa la concimazione regolare.

I graziosi gigli sono alcune delle piante da giardino e da camera più popolari. Stanno benissimo nelle siepi, se piantati da soli o raggruppati. Questi fiori reali prediligono la spaziosità e la luce della luce solare indiretta.

PIANTARE GIGLI

I bulbi di queste piante pluriennali possono essere piantati sia in primavera che in autunno. Ma il periodo ottimale per questa procedura è considerato quello compreso tra la seconda decade di agosto e la metà di settembre. Pertanto, i bulbi riescono a riprendersi e piantare o reimpiantare non li danneggia. Inoltre, avranno abbastanza tempo per adattarsi al nuovo posto fino a quando non si scateneranno le gelate.

Nota bene! I bulbi piantati in primavera hanno già germogli fini e fragili, che il freddo o i tuoi movimenti imprudenti possono facilmente ferire.

L’appezzamento, su cui prevedi di piantare gigli, deve essere concimato bene. I fertilizzanti organici dovrebbero essere incorporati nel suo terreno un anno prima di piantare i gigli. Il terreno deve essere sciolto, con pH neutro e non permettere all’acqua di ristagnare (quindi si aggiunge sabbia sotto i bulbi di giglio). I bulbi scelti per la messa a dimora devono essere duri, sani, senza macchie e tracce di marciume. La profondità alla quale il bulbo deve essere piantato dipende dalle sue dimensioni ed è pari a “3 volte la sua altezza”.

I bulbi di giglio dovrebbero essere piantati sul “letto” di sabbia.

CONCIMAZIONE DEI GIGLI

I gigli richiedono fertilizzante per tutta la stagione. Pertanto, sarebbe meglio aggiungere fertilizzanti minerali subito dopo la fine delle gelate primaverili. Quindi, spargere il nitrato di ammonio, che influenza favorevolmente lo sviluppo delle piante, sul terreno umido: un cucchiaio di fertilizzante per 1 metro quadrato è sufficiente, quando viene effettuata la prima concimazione.

La successiva concimazione viene effettuata a maggio, dopo l’emergere dei germogli. Sciogliere 40-50 g di fertilizzante ricco di azoto, fosforo e potassio in 10 litri di acqua. Questa soluzione nutritiva viene versata alla base dei gigli dopo aver annaffiato il loro terreno. Essendo liquido, raggiunge le radici più velocemente e viene assimilato meglio. Una concimazione simile dovrebbe essere effettuata dopo la comparsa delle gemme.

I gigli rispondono alla fecondazione con un’abbondante fioritura.

A luglio, poco prima della fioritura, è necessario aggiungere un doppio perfosfato e un fertilizzante di potassio e magnesio: sciogliere 10 g e, di conseguenza, 15 g di ciascun fertilizzante in 10 litri d’acqua.

Pe parcursul sezonului vegetativ se adaugă cenușă de lemn pe solul din jurul crinilor: 100 g de cenușă pe 1 metru pătrat. Această fertilizare contribuie la fortificarea plantelor și la înflorirea lor mai abundentă și mai intensă.

L’ultima concimazione di base viene applicata dopo la fioritura (per il ripristino e la maturazione dei bulbi). Vengono utilizzati perfosfato e solfato di potassio. Dopo la fioritura i gigli non devono essere potati, poiché le loro parti fuori terra contribuiscono all’accumulo di sostanze nutritive nei bulbi e alla loro crescita. Prima dell’inizio delle gelate, l’appezzamento di fiori viene ricoperto di humus dalle foglie. Il compost protegge i gigli dal gelo e in primavera svolge il ruolo di pacciame.

Buono a sapersi! Affinché non si ammalino e fioriscano splendidamente, con grandi fiori, i gigli devono essere ripiantati una volta ogni 3-5 anni. La profilassi delle malattie viene effettuata cospargendo i gigli con una soluzione all’1% di solfato di rame e calce spenta durante il periodo vegetativo. Il terreno intorno ai gigli è mantenuto sciolto, moderatamente umido e sgombro dalle erbacce.

Come puoi vedere, un’eccellente fioritura dei gigli può essere ottenuta in modo relativamente semplice. La cosa più importante è piantarli e concimarli in tempo.

Buon giardinaggio!