Press ESC to close

Bollette elettriche: conviene lasciare il riscaldamento acceso tutto il giorno o accenderlo e spegnerlo?

Quando si avvicina l’inverno, la maggior parte delle famiglie utilizza necessariamente molto più riscaldamento. Le tue bollette energetiche possono sommarsi rapidamente se usi i riscaldatori ogni giorno. Meglio anticipare l’arrivo dell’inverno e adottare i gesti giusti per sapere se è meglio lasciare il riscaldamento acceso tutto il giorno o se va spento, e se è il caso, a che ora.

Quando sai che devi utilizzare il riscaldamento a volte fino a 6 mesi all’anno, è essenziale sapere come ridurre il più possibile i costi energetici. Esistono soluzioni per pagare meno il riscaldamento a fine mese e risparmiare energia. Ecco alcune buone abitudini da adottare quando si riscalda la propria casa.

Riscaldamento elettrico

logo pinterest

Riscaldamento elettrico – Fonte: spm

Il riscaldamento va spento o lasciato acceso tutto il giorno?

Potresti chiederti se lasciare il riscaldamento acceso tutto il giorno sia più economico che accenderlo e spegnerlo più volte. Gli esperti  inglesi  dell’Energy Saving Trust hanno risposto alla domanda affermando che lasciare il riscaldamento acceso  tutto il giorno è più costoso che  accenderlo solo quando serve. Adotta il riflesso di accenderlo solo quando necessario per abbassare la bolletta energetica.

Se vuoi abbassare la bolletta dell’elettricità, considera di abbassare la temperatura del riscaldamento di notte o quando esci. Se riscaldi normalmente la tua casa a 20 gradi, andrà a 13 gradi quando dormi o sei fuori casa. Se lo fai tutti i giorni e abbassi la temperatura il più possibile in questi orari, la tua bolletta annuale diminuirà notevolmente.

Normalmente, quando si hanno stufe elettriche, è ancora meglio spegnerle completamente quando non si è in casa o durante la notte.

Se non ne hai già uno,  installa un termostato  in modo da poter regolare la temperatura del tuo riscaldamento. Il termostato ti permette di riscaldare i tuoi ambienti alla giusta temperatura consumando il meno possibile. In commercio esistono diversi modelli di termostati, puoi scegliere quello che ti serve in base agli ambienti che devi riscaldare e al tuo budget.

Quali altri consigli per risparmiare energia?

Ci sono altri trucchi a cui non pensi necessariamente che possono ridurre il tuo consumo di elettricità. Per far sì che il calore si diffonda al meglio è necessario  spolverare i termosifoni . Quando arriva l’inverno, ricordati di pulirli accuratamente usando l’aspirapolvere e il piumino, ed evita di metterci sopra mobili o vestiti. C’è anche un trucco con il radiatore  per far profumare la tua casa.

Se hai il budget, puoi anche  considerare di fare lavori di ristrutturazione o isolamento  a casa tua per risparmiare energia e denaro a lungo termine. Questi lavori ti fanno sentire più caldo dentro perché aggiungere quello strato di isolamento ti farà risparmiare qualche grado in più, quindi è un modo efficace per risparmiare energia e calore. Se hai buchi e crepe nei muri,  impara passo dopo passo come chiuderli .

Stufa elettrica

logo pinterest

Radiatore elettrico – Fonte: Arce Clima

Qual è la temperatura ideale per riscaldare una stanza?

La temperatura alla quale dovresti impostare il riscaldamento può ovviamente dipendere da tutti a seconda della temperatura che sentono, ma ci sono temperature consigliate a seconda delle stanze della tua casa o appartamento.

Per non finire con una bolletta troppo alta e per riscaldare correttamente, imposta il riscaldamento a 19°C gradi nei tuoi salotti come la sala da pranzo o il soggiorno come spiegato sul sito web di ENGIE. Per la tua stanza, non è necessario impostare la temperatura sopra i 16 gradi. La maggior parte delle persone si sente abbastanza calda nelle proprie case impostando la temperatura del soggiorno a 20°C. La temperatura consigliata quando usi il bagno è di 22° gradi, deve essere più alta perché farai più freddo che in soggiorno quando esci dalla doccia. Se vuoi alleggerirti la bolletta, non dimenticare che un grado in meno può fare la differenza!