Press ESC to close

Cestello della lavatrice che ha un cattivo odore? Ecco i nostri consigli per risolverlo

Una volta ben lavato, il bucato esce dalla lavatrice pulito e immacolato. Ma, nel frattempo, dove va a finire tutto lo sporco? Non pensare che la tua macchina sia allo stesso tempo autopulente. È ovvio che i residui sono incorporati ovunque nell’involucro del dispositivo. A ciò si aggiungono i resti di detersivo, i depositi di calcare e la subdola muffa difficile da rimuovere. Almeno, se non si effettua una manutenzione degna di questo nome!

Non è un mistero, se non la sanifichi frequentemente, la tua lavatrice durerà poco e lo sgradevole odore di muffa non la lascerà. Un vero e proprio circolo vizioso, visto che alla fine a farne le spese saranno i vostri vestiti! Ma non ti lasceremo in questo casino. Ecco alcune soluzioni ideali per preservare sia il tuo elettrodomestico che il tuo bucato, tra cui un trucchetto poco conosciuto a base di riso.

Perché la mia lavatrice ha un cattivo odore?

Non c’è segreto: un ambiente umido e caldo come l’interno della lavatrice è una vera e propria calamita per batteri e muffe. Questa è una regola da ricordare. Sia nel cestello stesso, nello scomparto del detersivo o nel filtro per lanugine, queste piccole creature si intrufolano ovunque. Ma questi ospiti indesiderati non sono gli unici a diffondere odori indelicati. Anche l’acqua sporca e stagnante può a sua volta accentuare questi odori inquietanti.

Come si pulisce una lavatrice che puzza di muffa?

Una ciotola piena di riso

logo pinterest

Una ciotola piena di riso – Fonte: spm

Fortunatamente, puoi ricorrere a metodi naturali, e tuttavia molto efficaci, per bandire questi terribili odori che puzzano il tuo dispositivo e che si impregnano sulla tua biancheria. Eccone alcuni.

  • L’insolito trucco del riso

Molte persone non hanno idea del potenziale dolcificante dell’amido nel riso. È però un validissimo aiuto per il risciacquo: ammorbidisce i tessuti e dona loro una bellissima lucentezza. Non c’è da stupirsi, a proposito, che l’acqua di riso sia molto popolare nelle maschere per capelli. Inoltre, il riso è anche famoso per assorbire umidità e cattivi odori. Questo è molto buono, poiché i nostri vestiti sono spesso intrisi di forti odori di frittura o tabacco! Qui, anche per le macchie di sudore difficili da rimuovere, il riso se la caverà in breve tempo. Puoi anche contare su di esso per bandire questo  stampo che spesso si attacca alla gomma del tamburo. Quindi, come utilizzare questo prodotto “miracoloso”? Semplicissimo: mettete una manciata di chicchi di riso in un sacchetto di cotone o una striscia di garza che immergerete all’interno della macchina. Aggiungi anche qualche goccia di olio essenziale (preferibilmente lavanda) per aggiungere un tocco profumato. Quindi avviare un ciclo a 30°C. E il gioco è fatto: quando te ne andrai, il tuo bucato non sarà mai stato così pulito e fresco!

  • La soluzione è nell’aceto bianco!

Sebbene la macchina scarichi l’acqua dopo il ciclo di lavaggio, spesso rimane molta umidità. Difficile da rilevare, interferisce nelle guarnizioni in gomma, nel filtro lanuggine, nel cassetto del detersivo o anche nella parte inferiore dell’apparecchio. E attira irrimediabilmente batteri e muffe, che poi si uniscono a depositi di calcare e residui di detersivo. Risultato: si formano odori soffocanti che rovinano il lavaggio dei vestiti. Ma, per combattere questo flagello, esiste un prodotto naturale i cui effetti sono incomparabili. Aceto  bianco , ovviamente. Questo potente antibatterico eliminerà i cattivi odori in pochissimo tempo!

Manuale :

  • Versare mezzo bicchiere di aceto bianco nella vaschetta del detersivo e programmare un normale ciclo di lavaggio a vuoto ad una temperatura di 30°C o superiore.
  • È rimasto ancora dello sporco? L’odore sgradevole non si è completamente dissipato? In questo caso, ripeti di nuovo lo stesso processo, ma questa volta aggiungi una tazza di candeggina (quella che usi per lavare i vestiti).
  • Infine, dopo aver sanificato la macchina, assicurarsi di lasciare aperto lo sportello del cestello. Questo è il modo migliore per ventilare correttamente l’apparecchio ed eliminare definitivamente l’odore sgradevole.
  • Limone, arma letale contro i cattivi odori

Limone in lavatrice

logo pinterest

Limone in lavatrice – Fonte: spm

Il calcare è un formidabile nemico per tutti gli apparecchi elettrici che utilizzano acqua. Se vivi in ​​una zona con acqua particolarmente dura, allora sai di cosa stiamo parlando. Per rimuovere il calcare dalla lavatrice, devi familiarizzare un po’ con la base di questo problema. Poiché il calcare è una sostanza alcalina, per neutralizzarlo, l’aggiunta di un acido debole alla macchina aiuterà ad abbassare il pH. Naturalmente, ci sono molti prodotti sul mercato che possono semplificare il tuo lavoro. Ma di solito sono costosi e chimici. Cerchi un’alternativa naturale? Il limone è la soluzione perfetta. Le sue proprietà disinfettanti, anticalcare e antitartaro faranno al caso tuo! Tutto quello che devi fare è versare una tazza abbondante di succo di limone nella vaschetta del detersivo ed eseguire un ciclo di lavaggio a vuoto (senza bucato) a 30°C o più. Non solo i depositi di calcare non saranno più rilevanti, ma potrai anche dire addio a muffe e cattivi odori.

Quanto spesso dovresti pulire la tua lavatrice?

In effetti, tutto dipende dalle tue abitudini di lavaggio. Se si tende a utilizzare prodotti naturali e di origine vegetale, il risciacquo è spesso più pulito. Di conseguenza, la tua macchina è meno soggetta a residui di sporco e muffe. In questo momento, è possibile eseguire una pulizia profonda fino a una volta all’anno. Se invece si utilizzano abitualmente detersivi a base di petrolio, ammorbidenti chimici o prodotti profumati, si consiglia vivamente di pulire l’apparecchio più spesso, ogni tre-sei mesi.

Dopo, ovviamente, sta a te giudicare in base ai tuoi sentimenti. Se noti che i tuoi vestiti sono impregnati di macchie dopo un normale lavaggio o se senti un odore di muffa ricorrente, non esitare a pulire la lavatrice più spesso. Soprattutto se noti chiaramente la presenza di muffe: sono pericolose per la tua salute, quindi non trascurare mai questo problema.